LA TRASFORMAZIONE DEI SALONI SPECIALIZZATI DEL TURISMO
Si è chiuso ieri l'ultimo salone specializzato italiano, il TTG Incontri e fra meno di un mese il più riconosciuto dal trade in Europa, il WTM di Londra aprirà le sue porte. Ci si domanda come sono cambiate le attese nel partecipare a questi fiere di settore sia come visitatore che espositore. Ritengo che oggi si tratta per lo più di rafforzare relazioni sia con contatti in essere che desiderati, il che non è sottovalutabile, poiché spesso una mail o un colpo di telefono non sono sufficienti per creare business, ma sopratutto non si ha l’opportunità di conoscere l'esatto interlocutore, cosa che in queste manifestazioni avviene. A parte questo aspetto tutti i Saloni sono ora costellati di incontri "formativi o informativi", spesso con degli speaker di qualità media che tuttavia richiamano un forte pubblico trade, abitualmente non attento ai mutamenti o giovane di esperienza. Un po' di malumore ha serpeggiato tra gli espositori che desiderano il salone business to business, ma questa opportunità è ormai remota, cancellata dai sistemi e dalle tempistiche.
Albert Redusa Levy