THE RUSSIAN TOURIST MARKET
Dopo il Mitt di Mosca dove la presenza degli operatori italiani è stata al di là delle aspettative, si ricomincia a valutare in modo più ampio le richieste e le necessità di questo mercato europeo. L’Italia nel 2018 ha avuto circa cinquemilioni e mezzo di pernottamenti da parte dei turisti russi, in particolare nelle regioni: Veneto, Puglia, Lazio ed Emilia Romagna. I Russi amano l’Italia per la sua cucina, i paesaggi, la cultura ed il rapporto frendly dei suoi abitanti. Tuttavia è emerso durante il salone specializzato che desiderano anche poter disporre di personale che parli russo negli hotel e ristoranti e magari anche in realtà culturali di maggior riferimento come i musei, attraverso guide, cartelli o altro a loro dedicati. Nel 2018 il Belpaese ha avuto in rapporto all’anno precedente un incremento del 30% arrivando a oltre 800mila turisti. Ma non sono tutti russi oligarchi tanto ricercati dall’ alberghiera di lusso, c’è anche un mercato medio e medioalto che desidera conoscere il nostro Paese, ovvero giovani famiglie e millennials, questi ultimi saranno il comparto più importante e numerico per la nostra economia turistica negli anni a venire.
Albert Redusa Levy





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...