IL VALORE DEL WEB E DEI SOCIAL NEL TURISMO
Nel turismo il web è il “decison marker” solo nella scelta ma purtroppo meno nell’acquisto. E’ quanto emerge da una recente ricerca da parte dell’Osservatorio d’Innovazione Digitale del Politecnico di Milano. Le ragioni quali possono essere: siamo da sempre stati abituati al rapporto con il retail? Pensiamo che all’ultimo minuto costi meno? Oppure forse cambieremo programma? O non abbiamo ancora l’abitudine. Dalla ricerca appare evidente l’influenza dei social nella scelta di un viaggio, di un hotel, o di una visita museale, poiché quanto riportato dagli influencer e dai fan sui social fa propendere il turista verso la scelta. Per il 48% dei turisti italiani l’ispirazione verso il prodotto turistico nasce dalla lettura di recensioni, a cui si aggiunge un ulteriore 20 per cento dai post, arrivando a toccare circa il 70% delle scelte. Va considerato purtroppo che gli strumenti messi a disposizione da parte delle strutture per le prenotazioni o la biglietteria tocca solo il 4% di questi utenti, spesso tuttavia non sono a conoscenza delle web-facility messe a disposizione come app o siti. L’applicazione dei sistemi web è stato troppo veloce sia per alcuni pubblici che per parte del mondo Pubblico. Un importante punto emerso dalla ricerca è l’influenza ed il valore della post-visita, si rimane ancor oggi ancorati al concetto di vendita. Come segnalato dalla direttrice dell’Osservatorio il marketing turistico si debbono considerare le quattro fasi nella loro completezza, ispirazione, prenotazione, visita e post visita, di cui l'ultima è il nuovo sistema di promozione e comunicazione.
Albert Redusa Levy





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...