IL TURISMO IN TEMPO DI CORONAVIRUS, COME REAGIRE.
Dalla metà di febbraio l’Europa è stata funestata dall’epidemia del Coronavirus, dove nei primi tempi sono state attivate delle misure per circoscrivere il pericolo di una epidemia. Oggi purtroppo la situazione si è ulteriormente aggravata in molte aree del Nord Italia e anche in altre nazioni Europee. Va considerato che oltre al Far East da dove è scaturita la prima scintilla oggi sono coinvolti parzialmente altri continenti sino al nord America.

Ovviamente questo ha creato un panico dilagante tra i viaggiatori, sino a far consigliare da parte di alcuni Stati di evitare viaggi, in particolare nelle regioni del nord-Italia quale area più colpita. Si è creata quindi una sensibile debacle nel turismo ed anche in altri settori come i trasporti, l’hotellerie e vari comparti merceologici. Oggi per molte località invernali la situazione si fa preoccupante, sia per le strutture alberghiere ma anche per i servizi.


Su questo tema noi come altre realtà della comunicazione con una expertise nei settori di crisi, siamo stati coinvolti per ricercare formule che arginino le cancellazioni e cerchino di mantenere vivo e “pulito” il brand di località e strutture. Il nostro primo consiglio è quello di reagire, affrontando il tema, non negando eventuali evidenze, ma soprattutto mettendo a disposizione offerte di soggiorno con buone garanzie di sicurezza. La cosa più importante è iniziare a lavorare per la prossima stagione estiva attraverso una comunicazione multi-canale con la partecipazione sinergica dei territori coinvolti. Attendere solo la fine dell’epidemia e/o un intervento economico da parte Paese non risolverà la perdita per medio tempo di clientela turistica soprattutto estera.





Albert Redusa Levy





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...