ESTATE 2020: MENO TURISTI NELLE CITTà D€ARTE ITALIANE MA GRANDE RITORNO DI MARE E MONTAGNA
Quest’estate non c’è alcun dubbio che le prospettive per il turismo nelle città d’arte italiane sono abbastanza difficili. Infatti, nonostante il grande patrimonio artistico e culturale che custodiscono da nord a sud della penisola, l’assenza del turismo internazionale, che solitamente vale più del 50% del totale delle presenze per un totale di 44,3 miliardi di euro, grava pesantemente sull’incoming. Oltre alla diminuzione delle prenotazioni, c’è da considerare la scarsità dei collegamenti aerei e le strutture che a rilento stanno riprendendo (almeno parzialmente) l’attività e che, per la seconda settimana consecutiva, non superano il 40% del totale.


Un barlume di luce per il turismo italiano è sicuramente rappresentato dalle località di mare e di montagna, dove infatti le richieste aumentano ogni giorno e il numero di strutture che stanno riaprendo è maggiore rispetto a quello delle città d’arte anche grazie alla capacità di adattarsi alle nuove regole sulla sicurezza con cui anche il mondo dei viaggi ha dovuto fare i conti per poter ripartire e vivere una fase di rilancio. Preferiti e scelti soprattutto dalle famiglie con bambini, il mare e la montagna, quest’anno rappresentano la colonna portante del turismo italiano grazie soprattutto alla possibilità di trascorrere una vacanza in totale sicurezza e tranquillità: ampi spazi e attività all'aria aperta, al riparo dalla calca estiva.


Un punto in più per la montagna che, secondo l'ultima indagine di Confturismo-Confcommercio, ha saputo conquistare sempre più nuovi estimatori anche nella stagione più calda dell'anno, confermando un 23% (per gli spostamenti relativi ai mesi tra giugno e agosto) degli italiani in partenza che opteranno per le destinazioni montane, contro il 18% dello scorso anno.
Laura Riva





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...