LE SCELTE DEI TURISTI ITALIANI DOPO L'EMERGENZA CODIV-19
Nonostante la situazione trascorsa ed attuale, i viaggiatori italiani quest’estate non hanno rinunciato e non rinunceranno alle vacanze nei mesi a venire, anzi, secondo una recente previsione dell’Enit, in molti casi le partenze raddoppieranno con prenotazioni che si dilungheranno fino al periodo autunnale. Per la stagione estiva è stato stimato un 47,5% di italiani in viaggio di cui l’83% in destinazioni domestiche (soltanto il 7% all’estero), concedendosi vacanze in famiglia (40,2%), di coppia (46,2%) o con gli amici (16,1%).


Ma il dato più interessante riguarda l’allungamento della stagione fino ad ottobre, aprendo così numerose possibilità ad un periodo considerato fino all’anno scorso come “bassa stagione”. Ciò che è infatti emerso dalla ricerca effettuata su un campione significativo di italiani, è che, nel periodo dal 21 giugno al 10 ottobre, ben il 41,4% degli intervistati si concederà due vacanze, a fronte – purtroppo – di un 27,5% che non potrà dedicarsi nemmeno un momento di pausa di relax, mentre il 25% della popolazione, invece, non ha ancora scelto se organizzare o meno spostamenti. Il 73,5% dei vacanzieri italiani partirà, quindi, tra fine giugno e agosto, mentre il 26,5% sceglierà settembre/ottobre.


Oltre alle tempistiche, la pandemia ha modificato anche le modalità di viaggio. Non più vacanze lunghe, ma le “gite fuori porta” e le “vacanze mordi e fuggi” saranno i trend della stagione estiva per la maggior parte dei viaggiatori. Il 34,4% ne farà poche (soltanto due o tre in tutta l’estate), mentre il 27,5% non crede di potersele concedere per motivi economici o lavorativi. In compenso, il 10,9% è sicuro di poter dedicare ogni weekend a una destinazione differente e il 21,1% si concederà la gita fuori porta ogni 2 settimane.


Oltre la metà dei vacanzieri italiani quest’estate sceglierà il mare (59,8%) o comunque la vacanza naturalistica (30%). Seguono la montagna (25,6%), il relax (25,5%) e il soggiorno culturale (23,2%). Tra le altre motivazioni di soggiorno rilevanti ci sono: la vacanza enogastronomica (13,6%) e quella esperienziale del territorio (11,2%), il turismo termale (10,1%) sportivo (6,9%) e d’avventura (6,8%). Ancora a seguire il soggiorno al lago (4,5%), il turismo rurale (3,8%) e la vacanza “zaino in spalla” (3,7%).


La ricerca ha inoltre stilato le principali regioni d’Italia a fronte delle prenotazioni dell’estate 2020: Puglia (12,4%), Sicilia (11%), Toscana (10,6%), Trentino-Alto Adige (7,2%), Sardegna (6,5%) ed Emilia-Romagna (6%). Chiudono la Top10 il Veneto (5,8%), la Liguria (5,7%), la Campania (5,1%) ed a pari merito la Lombardia e la Calabria (4,9%).
Nonostante il periodo difficile trascorso sia dal punto di vista economico che turistico, i viaggiatori italiani non rinunciano alla possibilità di visitare il proprio “bel paese” e concedersi anche solo un weekend di relax a discapito della vacanza lunga solita nel periodo luglio-agosto, sfruttando (se possibile) le proprie abitazioni private (36,3%).
Laura Riva





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...