(RI)SCOPRIRE L'ITALIA PARTENDO DA CAMMINI E SENTIERI BANDIERA ARANCIONE
Quella che stiamo vivendo è un’estate dominata principalmente da un turismo domestico e di prossimità, alla (ri)scoperta di un'Italia meno nota e meno vissuta. La valorizzazione di borghi e mete dell'entroterra è tra i principali obiettivi del Touring Club Italiano che trova, in questa particolare situazione, una spinta per rilanciare un modo di viaggiare più consapevole e attento all’ambiente circostante.
Così come per le spiagge esiste il marchio Bandiere Blu, un eco-label che viene assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio, ora anche sentieri e cammini avranno la loro bandiera, quella Arancione. E’ una notizia di qualche settimana fa, quando il Touring Club Italiano ha lanciato un nuovo programma territoriale nazionale che mira a valorizzare e certificare i cammini in Italia, rendendo così il Bel Paese una meta ancora più conosciuta, attrattiva e accogliente.
L’obiettivo principale di questa iniziativa è quello di promuovere, in modo concreto e tangibile, il concetto di viaggio sostenibile basato sull’autenticità, in coerenza con gli attuali trend della domanda. Infatti, le principali motivazioni dei turisti di trekking e cammini sono interessi culturali (22%), abbracciare un turismo ben diverso da quello di massa (17%), possibilità di organizzare viaggi a piedi (67%), sport invernali (31%) e tour in bicicletta (24%).
Il primo cammino certificato Bandiera Arancione dell’Italia è il Sentiero del Viandante, un itinerario che si trova sulle meravigliose sponde del Lago di Como. Questo Sentiero ha ricevuto il marchio Bandiera Arancione per l’elevata qualità dell’esperienza turistica che offre al turista che decide di intraprenderlo. L’itinerario si estende per 50 km da Abbadia Lariana, sulla costa orientale del Lago di Como, a Piantedo e comprende anche la Via Spluga (che collega Chiavenna con Thusis, in Svizzera) e attraversa una serie di borghi che si affacciano sul lago tra cui Bellano, comune certificato con la Bandiera Arancione del TCI.
Ma come avviene la certificazione di un cammino? Quali requisiti devono soddisfare gli itinerari per ottenere la Bandiera Arancione? Alla base del marchio c’è il MAC, ovvero il Modello di Analisi dei Cammini. Durante questa fase si analizzano i cammini attraverso più di 200 indicatori: qualità complessiva dell’esperienza turistica, segnaletica, manutenzione e pulizia solo per citarne alcuni. Subito dopo questa lunga analisi viene elaborato un piano di valorizzazione del cammino, dove vengono elaborate delle proposte per migliorare i tracciati, l’offerta locale e possibili interventi di sviluppo.
Eva Barri





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...