NON PIU€ SOLO LUSSO E GLAMOUR: ECCO COME CAMBIANO LE ESIGENZE DEI CLIENTI UP LEVEL IN QUESTA ERA COVID
Secondo il Global Heatmap realizzato da Altiant per Iltm, che da sempre sonda i desideri dei consumatori up e upper level, i viaggiatori di lusso stanno piano piano cambiando le loro esigente e i loro consumi, cercando di adattarsi nel migliore dei modi a questa era Covid-19, salvaguardando da un lato la loro salute e dall’altro le loro finanze.
Privacy, qualità elevata, natura incontaminata, prodotti locali e sicurezza sono solo alcuni dei criteri e delle esigenze di scelta di questa fascia ristretta di viaggiatori.
Il viaggiatore up level dell’autunno 2020 si è evoluto e trasformato rispetto a quello dell’anno scorso, proprio perché sono cambiati i modi di percepire il viaggio e le necessità a cui rispondere.


Nonostante il lungo periodo di lockdown, i clienti up level hanno cominciato a percepire e a capire come i beni di lusso non siano più necessari, ma hanno imparato ad apprezzare e a dare maggiore importanza al viaggiare e alle esperienze che si possono fare in giro per il mondo scoprendo nuovi costumi, tradizioni e sapori.
Questa tesi è infatti confermata dal 36% degli intervistati che ha sottolineato il desiderio e la necessità di tornare a viaggiare in giro per il mondo, non appena verranno abolite le restrizioni.


Nonostante la voglia di viaggiare lontano, per il momento, però, la vacanza dei sogni resta vicina a casa e, se possibile, nella natura lontana da tutti e con i servizi il più possibile privatizzati. Il 20% degli intervistati, infatti, sottolinea il desiderio di voler utilizzare auto private con autista per i propri spostamenti, mentre il 17% pensa di incrementare nei mesi prossimi il budget per yacht privati, elicotteri o jet. Per quanto riguarda invece hotel e resort, secondo il nuovo viaggiatore up level la privatizzazione diventa il fulcro della vacanza: il 43% degli intervistati considera l’occupazione minima delle strutture come vincolante per garantire il massimo comfort.


Come conseguenza diretta del Covid-19 resta alta anche la resistenza nei confronti dell’utilizzo degli aerei ed emerge come la preoccupazione di incorrere in problemi come la cancellazione del volo o l’essere sottoposti a improvvisi cambiamenti di livelli di sicurezza da parte degli Stati siano elementi incisivi per i viaggiatori. Infatti, il 45% evidenzia che è deciso a prenotare meno voli a lungo raggio a favore di quelli a corto raggio, mentre il 39% si trova in difficoltà anche sui voli a corto raggio.


Dall’indagine emerge come il Covid-19 abbia cambiato la percezione del viaggio e come tutti, anche i clienti up level, abbiamo imparato ad adattarsi alla situazione, con un occhio in più verso nuovi criteri, come la sicurezza e la tranquillità.


Laura Riva





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...