DALLO STAYCATION ALLO WORKATION: ECCO COME VIAGGEREMO NEL 2021
Il 2020 è stato senza dubbio un anno difficile per tutto il settore turistico e anche una vera sfida per i viaggiatori di tutto il mondo che, a causa della pandemia, hanno dovuto annullare i propri viaggi con data ancora da destinarsi. Pensando al futuro però, sorgono alcune domande spontanee: cosa succederà nel 2021? Come sarà viaggiare?
Ce lo svela Volagratis.com che, con una particolare ricerca che ha analizzato i cambiamenti delle preferenze e delle abitudini dei viaggiatori, ha individuato 6 Travel Trends per il prossimo anno.


STAYCATION: un viaggio di lusso o sentirsi turisti, anche nella propria città o negli immediati dintorni, per staccare la spina dalla routine quotidiana e trascorrere una vacanza dietro casa o appena fuori porta. Questo fenomeno è esploso già quest’estate quando, in seguito alle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria, gli italiani hanno scelto di viaggiare in casa e a corto raggio, spostandosi soprattutto in auto o in treno.


LAST MINUTE: tornano le vacanze last minute. La situazione di incertezza dell’ultimo anno ha portato i viaggiatori ad approfittare dei periodi di maggiori tranquillità o delle revoche di limitazioni agli spostamenti così, non appena se ne presenta l’occasione, si cerca la migliore offerta e si prenota rapidamente, anche per partire il giorno successivo.


NO AGLI ASSEMBRAMENTI: il distanziamento sociale è ormai diventato parte integrante della nostra nuova vita e molto probabilmente continuerà a esserlo anche nel 2021. Questo ha fatto sì che venissero privilegiate le vacanze lontane dalla folla, come ad esempio in località non considerate dai classici itinerari turistici o immerse nel verde della natura. Per il prossimo anno si prevede che i borghi, le località di lago e di montagna, saranno ancora le mete predilette dai viaggiatori.


GRUPPI E FAMIGLIA: Nel 2020 le possibilità di viaggi di gruppo con famiglia e amici sono state annullate ma per il 2021 l’aspettativa è quella di una crescita delle prenotazioni dei gruppi, per ritrovarsi con le persone più care in qualche parte del mondo, cosa che non è stato possibile fare quest’anno.


SLOW TRAVEL: viaggiare lentamente significa prendersi il proprio tempo per immergersi nella cultura e nella tradizione di un luogo, spostandosi anche a piedi o in bicicletta privilegiando soggiorni più lunghi.


WORKATION: unire l’utile al dilettevole e lavorare da remoto in un luogo di vacanza. Che sia al mare o in montagna, l’importante è avere a disposizione un hotel con servizi digitali e stanze che permettano di rimanere connessi h24 per poter lavorare in tranquillità e godersi poi, una volta chiuso il computer, una passeggiata all’aria aperta in un luogo da sogno.


Una ricerca interessante che analizza come la capacità di adeguarsi alle situazioni in continuo divenire abbiano creato nuove abitudini e tendenze che stanno lentamente influenzando il settore dei viaggi e che potrebbero rafforzarsi durante il 2021, a fronte della certezza che gli italiani non rinunceranno a viaggiare e scoprire nuovi luoghi, anche se magari vicino casa e con modalità e tempi rinnovati.
Laura Riva





RISTORAZIONE: I CINQUE NUOVI TREND POST COVID DEL SETTORE
PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...