IL TURISMO DEL RUNNING
Il turismo del running è un trend affermato nel mondo, così come nel nostro paese. In Italia runners non sono certo pochi e il giro d'affari turistico legato a questo sport sposta volumi non indifferenti, dato che spesso è necessario recarsi in un'altra città per partecipare a un evento di questo tipo.

Secondo Jfc, società di ricerche turistiche, sono oltre 11 i milioni gli italiani che praticano corsa in modo più o meno costante e quasi 6 milioni i veri appassionati che si dedicano con regolarità a questo sport, partecipando anche gare.

In Italia sono 74 gli appuntamenti con gare di corsa o maratone che generano benefici per quasi 115milioni di euro. Ma i runners italiani sono una categoria che è ben disposta a prevedere soggiorni anche all’estero per poter partecipare alle competizioni più sfidanti. I nostri connazionali preferiscono maratone come New York CityMarathon (2.762), quella di Valencia (1.559 italiani al traguardo), di Berlino (953italiani), di Atene (834 italiani a termine) e Barcellona (634 italiani).

Ma da qualche anno c’è anche un altro fenomeno legato al running che riguarda il turismo ed è quello del turista-runner. Si tratta di quegli appassionati che, pur non partecipando a gare, preferiscono scegliere una destinazione che permetta loro di mixare cultura, divertimento e anche corsa.

Per venire incontro a questo trend, nelle principali città del mondo - da New York a Roma, da Madrid aParigi - alcuni alberghi forniscono tour turistici nei centristorici condotti da allenatori-guide. Nascono, così, pacchetti che propongono unavisita guidata ai monumenti e ai luoghi storici ma passo di corsa. Spesso lestrutture ricettive si appoggiano a organizzazioni esterne dove le guide sonoprima di tutto esperti runners in grado di calibrare le varie andature deituristi, oltre che fornire informazioni circa i centri storici e i relativimonumenti.
Esistono anche diversi alberghi runner-friendly che, tra le varie proposte, hanno inserito anche percorsi per il jogging o che si trovano nelle vicinanze di itinerari e sentieri dedicati.

Un’opportunità, quindi, importante per gli operatori del settore che devono saper trasformare anche questo trend in un’occasione di business.
Elena Marchi





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...