RICERCA EXPEDIA: I VIAGGI DEL FUTURO ALL'INSEGNA DI SICUREZZA E FLESSIBILITà
Cresce sempre di più la voglia di tornare a viaggiare dopo lo stop forzato dell’ultimo anno. Ma come cambiano le esigenze e le abitudini di acquisto dei viaggiatori dell’immediato futuro post Covid? Ce lo racconta Expedia Group, attraverso una ricerca intitolata “Cosa vogliono i viaggiatori nel 2021”. La ricerca ha coinvolto 16.000 intervistati in otto mercati.
Dall’inizio del 2021, la piattaforma ha evidenziato un incremento delle ricerche nazionali e internazionali. La voglia di tornare a viaggiare è talmente forte che il 41% degli intervistati sostiene che rinuncerebbe a guardare lo sport, il 39% smetterebbe di fare shopping online e il 37% userebbe meno i social media in cambio di un mese di vacanza. Infine, il 75% è la percentuale dei viaggiatori che preferirebbe una vacanza a un nuovo telefono.
Per quanto riguarda il tipo di destinazione, il 45% dei viaggiatori sta considerando una vacanza al mare nei prossimi 18 mesi, mentre il 36% preferirebbe le grandi città; le piccole località sono invece l’opzione più invitante per il 33% degli intervistati. A prescindere però dal tipo di meta o vacanza, uno dei principali fattori decisionali per i viaggiatori post Covid è scegliere una “destinazione raggiungibile in auto e vicina a casa”.
Uno dei principati fattori che andrà a determinare le decisioni di viaggio è la pulizia: infatti, il 42% dei viaggiatori sostiene che le linee guida sulla pulizia sono uno degli elementi più importanti. L’altro fattore chiave è la flessibilità: il 60% dei viaggiatori afferma che difficilmente procederà alla prenotazione di una camera non rimborsabile in cambio di una tariffa ridotta. Questa è una delle grandi differenze rispetto al 2020, quando il 66% dei viaggiatori prevedeva di prenotare una camera non rimborsabile.
Fra le esigenze dei viaggiatori, il 77% ha dichiarato che nella prenotazione di una vacanza è determinante la presenza negli alloggi di servizi tecnologici chiave, mentre un viaggiatore su tre sostiene che sarebbe disposto a pagare un extra per internet ad alta velocità. I servizi di streaming sono particolarmente importanti per la Generazione Z (38%) e millennial (42%), coloro che viaggiano con bambini (42%) o con i suoceri (40%).
La voglia di tornare a viaggiare è davvero forte, ma il Covid-19 ci ha cambiati profondamente così come è cambiato il nostro modo di decidere, organizzare ma soprattutto vivere un viaggio. Il settore del turismo dovrà quindi adeguarsi a questo cambiamento ponendo una particolare attenzione a comunicare in modo trasparente, trasmettere fiducia ai nuovi viaggiatori e soprattutto farli sentire al sicuro durante il soggiorno.


Marialuisa Scatena





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...