RIPARTENZE E RINASCITE: I NUMERI STIMATI PER IL SETTORE TURISTICO
Negli ultimi giorni, il World Travel & Tourism Council (WTTC) ha annunciato che secondo le stime nel 2021 l’industria del turismo potrebbe offrire più di 100 milioni di posti di lavoro grazie ai nuovi programmi di vaccinazione intrapresi in tutto il mondo e alla maggiore rapidità nell’effettuare tamponi e test rapidi e ottenerne i risultati.
L'ultima previsione economica del WTTC ci mostra come l’estate 2021 sarà caratterizzata dalla voglia di evadere dalla quotidianità e dai viaggi, di qualsiasi raggio: molte delle principali compagnie infatti hanno riportato un aumento significativo delle prenotazioni già da questi primi giorni dell’anno.
Tuttavia, questo non basterà a permettere un ritorno ai livelli occupazionali del 2019: i numeri sarebbero comunque inferiori del 17%, con 54 milioni di posti di lavoro in meno, percentuale che potrebbe aumentare fino a raggiungere il -25%. Al culmine della pandemia erano già 174 milioni i di posti di lavoro nel turismo a rischio, ma lo scenario più ottimistico prevede che ben 111 milioni di questi potrebbero essere rianimati proprio a partire dalla prossima estate.
Il WTTC prevede così un’estate di viaggi, resi possibili dall’uso delle mascherine, dalla vaccinazione globale e dai test rapidi da effettuarsi prima di ogni partenza, che combinati insieme sbloccheranno nuovamente le porte ai viaggi internazionali.
Così, grazie alle stime e alle previsioni attuali, il World Travel & Tourism Council annuncia che una considerevole ripresa dei viaggi potrebbe avvenire già a partire dalla fine di marzo.
Giulia Boniello





PRIMO DECRETO: GLI AIUTI DEL GOVERNO AL TURISMO
Come
annunciato qualche giorno fa il Consiglio dei Ministri ha dato il via al decreto legge che dispone le prime misure urgenti in aiuto alle zone interessate dal...